Affrontare piccole sfide ogni giorno per migliorarci!

Uscire dalla nostra "zona confort" da quella solita routune che ci fa sentire sicuri, protetti, magari quella che ci siamo costruiti con tanta fatica..(lavoro, casa, tv, pizza) è giusto reristere ai cambiamenti? Non fluire con essi? Rimanere immobili mentre tutto intorno a noi scorre, si muove e cambia? Secondo tantissimi studi e ricerche è assolutamete sbagliato.
Se sei una persona che come me ama sperimentare, migliorarsi, se sei curioso delle sorprese che la vita può farti allora non ti accontenterai mai di ciò che sei e di ciò che hai (non intendo cose materiali o ritocchini chirurgici sia chiaro) ma vorrai sempre migliorarti, migliorare qualcosa, anche una piccola abitudine che non ti piace di te, non ti fa stare bene. La sensazione che intendo non è lo stare bene al momento che si prova acquistando un vestito o una macchina nuova è un bene interiore...che non svanisce e ti porta a seguire sempre più il tuo sviluppo personale, quello che ti rende sereni con te stesso e con gli altri.

Molte persone di successo hanno iniziato a sfidare se stesse, con piccole o grandi sfide quotidiane che sicuramente, una volta portate a termine ti daranno tanta soddisfazione, aumenteranni la tua autostima e ti daranno la carica in più per dare una svolta al tuo modo di vivere.
Ora vi spiego meglio di cosa si tratta, personalmente sono molto attratta da questo genere di cose, punto sempre al miglioramento di me stessa, attenzione parlo di miglioramento globale che comprende la sfera interiore, intellettuale e perchè no anche a livello fisico con l'impegno in uno sport
Ogni settimana mi pongo una nuova sfida da superare, un piccolo obbiettivo da raggiungere, pensate a qualcosa che non riuscite a fare pensando di non esserne capaci o di non avere la voglia di fare operché siete troppo impegnati o troppo pigri...
Bene, ora vi parlo di come io ho iniziato, avevo una grande paura di iscrivermi in palestra, mi ero sempre allenata a casa, avevo paura dei dolori dell'endometriosi che potessero tornare, non volevo sforzare e fare movimenti bruschi per paura che "tornassero" ma un giorno decido finalmente di scrivermi, non vi dico la prima settimana è stato un incubo,  dolori erano tornati fortissimi e io che nn ero abituata a fare quei movimenti, sollevare pesi poi non ne parliamo, ero debolissima e sempre stanca, ho pensato di mollare immediatamente per paura di stare nuovamente male. Poi mi sono detta, ma non sarò io che mi faccio venire questi dolori per la poca voglia che ho di essere costante in qualcosa?? Ho continuato ad andare e mentre i giorni passavano mi sentivo sempre meglio fisicamente e mentalmente...arriva il ciclo (tanto temuto, chi ha l'endo sa di cosa parlo) e ragazze niente dolori, flusso diminuito notevolmente rispetto al solito, non solo sono riuscita a superare il tutto ma ho avuto grandissimi benefici dall'allenamento che tuttora pratico e spero di non mollarlo mai.
La mia seconda sfida è stata quella di purificarmi dagli zuccheri raffinati, prodotti da forno ecc...sono tutti alimenti che è bene evitare soprattutto per chi vuole stare in salute e perdere peso.
Mi sono posta l'obbiettivo di togliere per una settimana tutti gli zuccheri tranne quelli presenti in natura nella frutta, verdura, creali...
Appuntando tutto su un diario ovviamente (quello aiuta sempre), è stata durissima i primi giorni perchè la mattina la mia dose di zucchero era d'obbligo, quindi i primi giorni ho come avuto una crisi d'astinenza diventandopure scontrosa   (lo zucchero crea tanta dipendenza) ...dopo il 4 giorno il mio corpo ha iniziato ad abituarsi alle colaioni e spuntini sani e ora il gusto dei croissant del bar mi fa venire la nausea (ero dipendente da quel tipi di dolci)
Con mia sorpresa dopo una sola settimana casualmente decido di pesarmi, pensando che nulla foss cambiato e scopro che quel chilo che non riuscivo a buttare giu nemmeno con estenuanti allenamenti è andato via!!! Meglio di così non poteva andare per non parlare dell'energia che ho adesso la mattina, mentre prima ero apatica sino a tarda mattinata.
La mia successiva sfida è stata quella della caffeina (soprattutto per l'endometriosi) studiando di continuo almeno due caffè al giorno li bevevo da un anno a questa parte mentre prima ne facevo a meno...
Ho sostituito per ora la caffeina col caffè d'orzo e il te verde, ogni tanto ho prorio bosogno di svegliarmi col caffè e lo prendo senza problemi ma ho imparato a togliere quelli in eccesso che non facevano altro che causare infiammazione e ritenzione idrica.
E voi quale sfida vi piacerebbe portare avanti?? Fatemelo sapere nei commenti se avete mai provato e ci siete riusciti o vorreste provare! 
Leggerere 10 pagine del vostro libro preferito ogni giorno, meditare dieci minuti la mattina, imparare una nuova lingua, imparare a suonare uno strumento musicale, spegnere telefono e social per un week-end, affrontare la paura di prendere l'aereo, provare a scambiare due parole con quella ragazza che vi piace, la vedete ogni giorno ma non avete il coraggio di prendere parola, ci sono tante piccole cose che possiamo fare per poter vivere al meglio la nostra vita che ricordatelo è un dono prezioso! Qualunque cosa vi faccia uscire dalla vostra "confort zone" sarà benefica e vi permetterà di svegliarvi ogni mattina con una carica in più! 

Commenti

  1. http://valeluna83.blogspot.it/2017/02/affrontare-piccole-sfide-ogni-giorno.html

    RispondiElimina
  2. http://valeluna83.blogspot.it/2017/02/affrontare-piccole-sfide-ogni-giorno.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Digiuno terapeutico, parliamone...

TUTTO SUL LATTE VEGETALE!!!!!!!

CINQUE MODI RIMANERE SEMPRE IN FORMA EVITANDO DIETE DANNOSE!